Caricamento Google Maps.......attendere
Morigerati

Comune di Morigerati

Indirizzo: Via Censimento 3, Morigerati, SA 84030
Telefono: 0974.982016
Sito web: www.comune.morigerati.sa.it
Email: sindaco.morigerati@asmepec.it

Altitudine: 268 m s.l.m.
Abitanti: 676, morigeratesi

Sindaco: Cono D'Elia

Morigerati

Antico borgo medievale le cui abitazioni sono strette l'una all'altra attorno alla torre campanaria, situato in una zona collinare nel Cilento, ad una decina di km dalle coste del Golfo di Policastro. Oggi la graziosa cittadina offre un caratteristico centro storico, in cui stradine acciottolate si alternano a cortili impreziositi da splendidi portali. È inoltre possibile visitare un pregevole Museo della Civiltà Contadina, che ben documenta gli usi ed i costumi cilentani.
Il comune di Morigerati è noto per le oasi del WWF, ove si trova la risorgenza del fiume Bussento presso le grotte dell'oasi; è presente inoltre la meravigliosa area del fiume Bussento, nella frazione di Sicilì, ove è possibile sostare immersi nella natura e nella tranquillità dell'ambiente fluviale. Morigerati, in provincia di Salerno, è il primo paese ad offrire ospitalità diffusa nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Incanta per i profumi di macchia mediterranea, per la tranquillità, per i paesaggi mozzafiato e per il suo centro storico medievale ben conservato.

Un po' di storia

Le origini di Morigerati si perdono nella notte dei tempi. Il primo nucleo dell’abitato potrebbe essere riconducibile ad un villaggio fondato dalla popolazione Italica dei Morgeti, poi diventato una piccola Colonia Romana come testimoniano i ruderi in località “Romanuru”. L’origine dell’attuale del Borgo si fa risalire ad un insediamento di Monaci Basiliani provenienti dalla Grecia e arrivati nel sud della penisola italiana in seguito alle persecuzioni Iconoclaste (nel 730 l’imperatore Bizantino Leone III ordinò in tutte le province dell’impero di oriente di distruggere le immagini di Cristo e dei Santi come reazione all’eccessivo culto di icone e reliquie). I Monaci Basiliani si ribellarono al divieto e per sfuggire alle persecuzioni lasciarono la Grecia per rifugiarsi nell’Italia Meridionale, privilegiando luoghi appartati, più sicuri e adatti alla contemplazione. I numerosi Toponomi Grecofoni, la Venerazione dell’icona San Demetrio tutt’ora custodita nella Chiesa di Morigerati, la Celebrazione del Rito Ortodosso attestato almeno fino al 1697 e persino la gastronomia (le Zeppole Scaurate, dall’impasto cotto, fritto e poi cosparso di miele) rimandano ad un mondo Greco-Orientale. Saranno i Normanni a togliere queste terre ai Basiliani, poi gli Angioini le concessero in feudo ai potenti Sanseverino. Successivamente, per vicende matrimoniali, passarono a Matteo Comite di Salerno per poi essere vendute ai Di Stefano che nel XV secolo fecero costruire il Palazzo Baronale dove tutt’ora vive una discendente della famiglia. L’isolamento dalle grandi vie di comunicazione e la conseguente marginalità della zona ha provocato, dalla fine dell’800, una forte emigrazione verso le americhe, in particolare verso il Brasile (a Belo Horizonte c’è la più grossa comunità di Morigeratesi) proseguita per gran parte del ’900 verso l’Europa e le grandi Città Italiane. Oggi Morigerati si raggiunge facilmente su strade veloci. Come per vaste aree interne del Cilento, l’isolamente ha giocato a favore della conservazione sia della natura che di un mondo ricchissimo dei valori rurali del passato, al quale tutti oggi guardiamo con sempre maggiore interesse. La vita quotidiana di queste vallate è documentata nel Museo Etnografico di Morigerati.

Condividi

In questa regione

Associazione Nazionale Città delle Grotte

Sede legale: Piazza Municipio 5,66018 Taranta Peligna (Ch)
Tel. / Fax : 0872 91 01 18 - Em@il: info@cittadellegrotte.it
Segreteria e Comunicazione:
Tel. 0863 19 40 278 - Fax: 0863 74 31 178 - Mobile: 3938950836
Em@il: ufficiostampa@cittadellegrotte.it
PEC: cittadellegrotte@pec.it

Il sito dell' Associazione Nazionale CittÓ delle Grotte Ŕ un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework