Grotta dei Dossi | Villanova di Mondovì (Cn)

Caricamento Google Maps.......attendere

Per informazioni

Ente gestore: Grotta dei Dossi

Tel. 0174.42646 - 339.8526515 - 333.9790007 - 339.7966644

email: grottadossi@libero.it

web: wwwgrottadeidossi.it

La Grotta

La grotta più colorata d'Italia
Trovò l'accesso......
sui pendii del Monte Calvario un cacciatore, per caso, nel 1797: la Grotta dei Dossi è stata la prima ad essere scoperta in provincia di Cuneo, e un secolo dopo fu la prima in Italia a essere illuminata elettricamente, con trenta lampade Edison e un generatore a petrolio. Ma il vero primato è ancora un altro: è infatti la grotta più colorata d'Italia.

Di origine carsica, con uno sviluppo complessivo di 910 metri e un dislivello di 21, le grotte si articolano in corridoi e sale dalle mille sfumature dovute alla varietà dei minerali incontrati, nel loro percorso, dalle gocce d'acqua che vi filtrano modellando e decorando incessantemente le concrezioni.
Potenziato dall'illuminazione, lo spettacolo di forme e colori conquistò i visitatori fin dalla fastosa inaugurazione del 15 agosto 1893 con cui, asportati 604 metri cubi di roccia con 1504 mine, si aprirono al pubblico i tesori del sottosuolo.

L'inaugurazione del 1893
fu un evento cui parteciparono personalità e molti giornalisti, anche stranieri: ebbe una tale risonanza da rendere le grotte un'attrazione turistica.
Per restare a bocca aperta di fronte a quelle meraviglie che parevano uscite dalle pagine di Jules Verne, accorrevano signori e dame da ogni dove: si arrivava in carrozza da Mondovì e per 9 lire ci si assicurava la visita guidata, il pranzo e una sosta al santuario di Santa Lucia e alla sua grotta.
Nel tempo l'esplorazione è continuata, sono state aperte altre sale, resi agevoli i passaggi più critici che allora rappresentavano "prove di coraggio" per le signore impacciate in abiti ingombranti, e ancora di recente gli ambienti sono stati rivisitati con moderni tagli di luce che esaltano la policromia e rivelano la varietà delle concrezioni.
Molto visitata nell’800 è poi stata chiusa per un lungo periodo di tempo.
Ora a distanza di due secoli, questo gioiello è tornato a nuova vita grazie alla sapiente sistemazione di fasci di luce che esaltano la bellezza delle concrezioni e fanno emergere in tutto il loro splendore, discreto e solenne, aspetti finora sconosciuti di questo labirinto sotterraneo.
Si presenta come una spettacolare successione di corridoi e sale decorate con concrezioni policrome dalle sfumature più incredibili. Contribuiscono alla suggestione gli evocativi nomi delle sale, dettati dalle forme: dalla “Galleria Moresca”, si passa alla “Barca di Caronte” evocatrice di suggestive immagini mitologiche, quindi al “Salone del Lago” dalle acque azzurrine, ai “Bagni di Venere” di bianchezza marmorea, il “Salottino Gotico” a volta cuspidale, la galleria definita “Albo dei Visitatori”, la “Sala del Bacino”, la “Sala dei Tendaggi”, la “Gran Sala del Cigno”, l’”Anticamera dell’inferno”, la “Grotta dei Pipistrelli”, la “Sala degli Arazzi”, la “Sala del Buon Genio”.
Questi sono solo alcuni degli ambienti in cui si snoda un percorso variegato e coinvolgente immerso in una magica atmosfera.
C'era una volta
... un cacciatore che inseguiva una volpe nella neve. Le tracce lo portarono verso le sorgenti del torrente Branzola, dove la volpe sparì in una tana nei pressi di una cava.
Il cacciatore sparò un paio di colpi all'imboccatura e, certo di averla ferita, fece entrare nel cunicolo un ragazzo per recuperare la preda. Il ragazzo strisciò dentro ma, percorsi "un trabucco e mezzo" nell'oscurità, si trovò in un grande antro, col rischio di precipitare nel vuoto. I due corsero subito in paese ad annunciare la scoperta e in un baleno la "nuova" fece il giro di contrade e frazioni: tutta la gioventù si radunò, con zappe e picconi, per scoprire il mistero celato dalla roccia.
Questa versione ufficiale, raccontata in un memoriale dell'epoca, diverge nei dettagli dalla tradizione orale, secondo cui non fu un ragazzo a infilarsi nel cunicolo, ma il cane del cacciatore, lasciando dietro sé una scia di latrati lontani. La sostanza è che quel giorno, 13 marzo 1797, la grotta vide i suoi primi 300 visitatori, curiosi e meravigliati.
"Poi, dopo le calde parole di ammirazione scrive Delfino Orsi in un volumetto dedicato alla grotta nel 1893 subito le menti fantasiose crearono la leggenda. Il nome curioso di una vicina borgata, detta Paga notti, aiutò illavorìo degli spiriti. Di sicuro, si concluse presto, la grotta era un antico tempio dei pagani che abitavano là." E così, nell'immaginario, i poveri abitanti dei Paga notti diventarono ... pagani!
 

Informazioni visita turistica

Visita attiva: turistica

Informazioni utili: giorni ed orari di apertura -  tutte le Domeniche dell'anno e i festivi, nel periodo invernale dalle ore 15 alle 17, nel periodo estivo dalle ore 15 alle 18, Nelle vacanze natalizie (dal 25 Dicembre al 6 Gennaio) dalle ore 15 alle 18. Tutti i giorni previa prenotazione per gruppi di almeno 5 persone.

Prezzi: Adulti 7 euro, Bambini dai 6 anni ai 12 anni 5 euro, Bambini sotto i 3 anni gratis - Abbigliamento consigliato: Si consiglia l'uso di scarpe antiscivolo e di una giacca poiché la temperatura interna è costante e si aggira sui 9 gradi.

Per informazioni
Tel: 0174-42646
Cel.: 333-9790007 - 339-7966644 -334-360.2167

Testi e foto tratte da www.comune.villanova-mondovi.cn.it e www.grottadeidossi.it

Ultima modifica

05/04/2017

Condividi

Associazione Nazionale Città delle Grotte

Sede legale: Piazza Municipio 5,66018 Taranta Peligna (Ch)
Tel. / Fax : 0872 91 01 18 - Em@il: info@cittadellegrotte.it
Segreteria e Comunicazione:
Tel. 0863 19 40 278 - Fax: 0863 74 31 178 - Mobile: 3938950836
Em@il: ufficiostampa@cittadellegrotte.it
PEC: cittadellegrotte@pec.it

Il sito dell' Associazione Nazionale CittÓ delle Grotte Ŕ un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework