Grotte Antro del Corchia | Stazzema (LU)

Caricamento Google Maps.......attendere

Per informazioni

Ente gestore: Cooperativa Sviluppo e Futuro Levigliani

Telefono: 0584.778405

Sito web: www.antrocorchia.it

E-mail: info@antrocorchia.it

La Grotta

L'Antro del Corchia, con i suoi 53 km circa di gallerie e pozzi, detiene il primato nazionale del più vasto complesso carsico ipogeo. Anche il dislivello, con i suoi 1187 m di altezza tra l'apertura più elevata e il fondo della grotta, rappresenta una delle massimi valori rintracciabili del territorio italiano ed europeo.
La particolarità del Sistema carsico del Corchia sta soprattutto nella sua estrema complessità morfologica ed evolutiva. Si tratta infatti di un reticolo tridimensionale racchiuso in un volume di marmi e dolomie di circa 2 km di lunghezza, 1 km di larghezza e quasi 1200 m di altezza.
Un percorso attrezzato, di circa 1 km, consente ai turisti di penetrare nell'interno del Corchia e di raggiungere il cuore della montagna e del sistema carsico.

Il territorio del Parco delle Alpi Apuane, nel quale si inserisce l'Antro del Corchia, presenta una eccezionale varietà di flora spontanea grazie ai suoi diversi paesaggi e microclimi: macchia mediterranea nella fascia pedemontana verso il mare, querceti e carpineti, castagneti, faggete, praterie d’alta quota.
In altura possiamo incontrare i ciuffi del paleo, una graminacea, nelle praterie troviamo felci, ciclamini, roseti, narcisi, orchidee, campanule e peonie.
Area protetta, il parco delle Apuane ha visto crescere la fauna selvatica nel numero e nella quantità delle sue specie. l’aquila reale è tornata a nidificare tra queste montagne, insieme ad altri i rapaci come il falco pellegrino, il gheppio, il gufo, il barbagianni, la civetta e l’allocco. Tra gli altri uccelli presenti, da segnalare il gracchio alpino e il gracchio corallino, simbolo del parco, il codirosso spazzacamino, la pernice rossa, il cuculo e il picchio muraiolo.
Tra i mammiferi sono presenti il ghiro, lo scoiattolo, la lepre, il capriolo, il cinghiale, la volpe, la faina, la donnola, la martora e il tasso. Tra le cime scoscese è presente anche il muflone, una razza importata. Molto rara l’arvicola delle nevi, un piccolo roditore.
Nei torrenti si trovano la trota, la salamandra pezzata, il tritone alpestre apuano, la salamandrina dagli occhiali e il raro geotritone.

Informazioni visita Turistica

Tipologia visita attiva: facile

Lunghezza: 1978 m

Durata: 2 h

Informazioni utili: aperto tutto l’anno (tranne alcuni giorni di gennaio e febbraio), per visita contattare il gestore. Costo: intero:15 €; ridotto: 10 € (dai 5 ai 14 anni, scolaresche); ridotto: 13 € (gruppi di almeno 20 persone e associazioni di montagna); gratuito: portatori di handicap. Abbigliamento consigliato: Scarpe con suola in gomma e maglione
Per informazioni: info@antrocorchia.it; 0584778405

Ultima modifica

18/03/2017

Condividi

Associazione Nazionale Città delle Grotte

Sede legale: Piazza Municipio 5,66018 Taranta Peligna (Ch)
Tel. / Fax : 0872 91 01 18 - Em@il: info@cittadellegrotte.it
Segreteria e Comunicazione:
Tel. 0863 19 40 278 - Fax: 0863 74 31 178 - Mobile: 3938950836
Em@il: ufficiostampa@cittadellegrotte.it
PEC: cittadellegrotte@pec.it

Il sito dell' Associazione Nazionale CittÓ delle Grotte Ŕ un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework